Tempo di lettura: 10 minuti

Nell’era del digitale, un sito e-commerce ben posizionato sui motori di ricerca è fondamentale per il successo di qualsiasi attività commerciale online. In questo panorama competitivo dell’e-commerce, ottenere visibilità sui motori di ricerca è cruciale per il successo del tuo negozio online.

La SEO (Search Engine Optimization) rappresenta un insieme di tecniche e strategie mirate a migliorare il posizionamento del tuo sito web sui motori di ricerca come Google. Implementare una strategia SEO efficace può incrementare significativamente il traffico organico verso il tuo sito, aumentando le possibilità di conversione e, di conseguenza, le vendite.

In questo articolo, esploreremo le migliori strategie SEO per e-commerce, aiutandoti a dominare il mercato e a distinguerti dalla concorrenza.

Cos’è la SEO per e-commerce e perché è importante

La SEO per e-commerce è un insieme di tecniche volte a migliorare il posizionamento di un sito web nei risultati di ricerca per parole chiave pertinenti al settore di riferimento. In parole semplici, significa rendere il proprio sito più “visibile” agli utenti che cercano prodotti o servizi online.

Esistono diverse ragioni per cui la SEO è fondamentale per un e-commerce:

  • Aumentare il traffico organico: un buon posizionamento sui motori di ricerca porta a un incremento del traffico proveniente da ricerche organiche, ovvero utenti realmente interessati ai prodotti o servizi offerti.
  • Migliorare il tasso di conversione: un traffico più qualificato aumenta le probabilità di conversione, ovvero di trasformare i visitatori in clienti effettivi.
  • Incrementare le vendite: di conseguenza, un’efficace strategia SEO si traduce in un aumento delle vendite e dei profitti.
  • Guadagnare un vantaggio competitivo: in un mercato online saturo, la SEO permette di differenziarsi dai competitor e conquistare una posizione dominante.

Come fare SEO per e-commerce: i passaggi fondamentali

Realizzare una strategia SEO efficace per un e-commerce richiede un impegno costante e un’attenta analisi di diversi fattori.
Ecco alcuni dei passaggi fondamentali:

Ricerca e selezione delle parole chiave

Come scegliere le parole chiave

Come scegliere le parole chiave

Identificare le parole chiave più rilevanti per il proprio business e il target di riferimento, valutando il volume di ricerca e la concorrenza.

La ricerca delle parole chiave è il primo passo fondamentale per una strategia SEO efficace. Identificare le giuste parole chiave significa comprendere quali termini gli utenti utilizzano per cercare prodotti simili ai tuoi.

Utilizza strumenti come Google Keyword Planner, SEMrush o Ahrefs per trovare parole chiave pertinenti e con un volume di ricerca elevato. È importante scegliere una combinazione di parole chiave a coda lunga (long-tail keywords) e a coda corta (short-tail keywords) per coprire una gamma più ampia di ricerche. Ad esempio, se vendi scarpe da ginnastica, oltre a “scarpe da ginnastica”, potresti considerare parole chiave come “scarpe da corsa comode” o “sneakers alla moda 2024”.

Ottimizzazione on-page

Ottimizzare i contenuti del sito web, come titoli, meta descrizioni, testi e immagini, utilizzando le parole chiave selezionate in modo naturale e coerente.

Ora che la struttura è stabilita, si passa all’ottimizzazione effettiva delle pagine di categoria e di prodotto: sono queste infatti le sezioni del sito che generalmente generano più traffico!

L’ottimizzazione on-page riguarda tutte le azioni che puoi compiere all’interno del tuo sito web per migliorare il posizionamento sui motori di ricerca. Assicurati che ogni pagina prodotto abbia un titolo unico e descrittivo, utilizzando le parole chiave identificate. Le meta descrizioni devono essere accattivanti e informative, incoraggiando l’utente a cliccare sul tuo link nei risultati di ricerca. Inoltre, ottimizza i tuoi URL rendendoli brevi e includendo le parole chiave principali. Le immagini dei prodotti devono avere nomi file descrittivi e attributi alt che includano le parole chiave, migliorando così l’accessibilità e la SEO.

Come aggiungere prodotti su WooCommerce

Articolo che spiega come aggiungere prodotti su WooCommerce

Ecco gli elementi principali da considerare per ottimizzare le pagine di un e-commerce:

  • Meta title:  il titolo della tua pagina dovrebbe contenere la parola chiave principale su cui desideri posizionarti. Puoi arricchirlo con altre indicazioni come “online”, “in offerta”, “spedizione gratuita” ecc. Il titolo finale potrebbe risultare così: “Maglia donna 100% lana vergine in offerta”. Queste combinazioni rendono unici tutti i titoli del tuo e-commerce e attirano l’interesse dell’utente. Ricorda di mantenerti intorno ai 70 caratteri di lunghezza, altrimenti il titolo verrà tagliato.
  • Meta description: la descrizione è un elemento molto importante per migliorare il CTR della pagina. Rispetto al titolo, la descrizione offre più caratteri (circa 156), quindi puoi essere più creativo. Puoi enfatizzare tutti i vantaggi dei tuoi prodotti, ad esempio: “100% Made in Italy”, “spedizioni gratuite”, “sconti fino al xx%”, “scopri tutte le nostre promozioni”… Ecco un esempio: “Scopri il nostro assortimento di maglie in lana vergine 100% Made in Italy in offerta. Approfitta delle spedizioni gratis”.
  • Scheda prodotto: la scheda prodotto è croce e delizia di ogni e-commerce. Troppo spesso, nell’analizzare siti di nuovi clienti, ci rendiamo conto che questa pagina è una delle più trascurate poiché una semplice copia delle specifiche tecniche fornite dal produttore o con pochissimo contenuto. Questo è un errore! A Google servono molte informazioni per comprendere meglio di cosa tratta la pagina e descrizioni lunghe e dettagliate aiutano anche l’utente nella scelta.
    Nella preparazione di una nuova scheda prodotto non risparmiare quindi nell’offrire approfondimenti su come è nato il prodotto, sui materiali utilizzati, su come usarlo e come abbinarlo. Ovviamente è impossibile che ogni pagina prodotto del tuo e-commerce sia lunga 500-1000 parole; per questo puoi selezionare le 50 pagine prodotto e categoria più importanti e lavorare per ottimizzarle. All’interno del contenuto che crei, assicurati di inserire la parola chiave o varie declinazioni di essa; essendo Google un motore di ricerca semantico, è in grado di comprendere anche concetti correlati alla tua parola chiave.
    Se, ad esempio, vendi maglie per escursionismo, parlare di materiali antivento, idrorepellenti e simili aiuterà il motore di ricerca a inquadrare meglio il tuo prodotto.
  • URL scheda prodotto e-commerce: per l’URL del tuo prodotto le parole magiche da ricordare sono: breve e descrittiva. Questa è l’URL della scheda prodotto dell’iPhone 13 Pro: https://www.apple.com/it/iphone-13-pro/: contiene la parola chiave (iPhone 13 Pro) ed è corta. Non contiene nemmeno il percorso della categoria come accade in altri e-commerce.

Una menzione a parte deve essere riservata ai link interni tra le varie pagine, utili sia per migliorare l’esperienza utente, sia per facilitare la scansione del sito da parte dei motori di ricerca. Nei siti e-commerce i link interni si creano abbastanza naturalmente, grazie alla struttura di navigazione con le categorie linkate in ogni pagina del sito. Ci sono comunque altre azioni che puoi mettere in pratica; ad esempio, se hai un blog con articoli ben posizionati, assicurati di inserire all’interno di questi articoli dei link che rimandano verso pagine prodotto o categoria particolarmente strategiche.

Creazione di contenuti di alta qualità

Guida alla scrittura di un articolo del BLOG in 8 step

Guida alla scrittura di un articolo del BLOG in 8 step

Pubblicare regolarmente contenuti originali e informativi, come articoli di blog, guide e recensioni, che apportino valore agli utenti e li invoglino a visitare il sito.

Il contenuto di qualità è essenziale per attrarre e mantenere i visitatori sul tuo sito. Oltre alle descrizioni dettagliate dei prodotti, considera di creare un blog aziendale dove pubblicare articoli utili e pertinenti per il tuo pubblico. Ad esempio, se vendi attrezzature sportive, potresti scrivere articoli su “come scegliere le scarpe da corsa giuste” o “i benefici dell’esercizio fisico”.

Contenuti di valore non solo migliorano l’esperienza dell’utente ma possono anche aumentare il tempo di permanenza sul sito e ridurre la frequenza di rimbalzo, fattori che influenzano positivamente il posizionamento sui motori di ricerca.

Link building

Ottenere backlink da siti web autorevoli e pertinenti al proprio settore, per aumentare l’autorità del sito agli occhi dei motori di ricerca.

Il link building è una componente fondamentale della SEO off-page. Ottenere backlink di qualità da siti autorevoli può aumentare significativamente l’autorità e la visibilità del tuo sito.

Partecipare a collaborazioni, pubblicare guest post su blog rilevanti e creare contenuti condivisibili sono strategie efficaci per acquisire link in entrata. Assicurati che i siti da cui ottieni i backlink siano pertinenti al tuo settore e abbiano una buona reputazione.

Ottimizzazione tecnica del sito web

Garantire che il sito web sia performante, mobile-friendly e navigabile facilmente, per offrire agli utenti un’esperienza ottimale.

La SEO tecnica si riferisce agli aspetti tecnici del tuo sito web che influenzano il posizionamento sui motori di ricerca. Assicurati che il tuo sito sia mobile-friendly, poiché sempre più utenti effettuano acquisti da dispositivi mobili. La velocità del sito è un altro fattore cruciale: un sito lento può ridurre significativamente le conversioni. Utilizza strumenti come Google PageSpeed Insights per analizzare e migliorare la velocità del tuo sito. Inoltre, implementa una struttura di link interni logica e facile da navigare, facilitando sia la scansione da parte dei motori di ricerca che l’esperienza utente.

Foto di prodotto per e-commerce, la mini guida

Foto di prodotto per e-commerce, la mini guida

Aggiungo un elenco di alcuni elementi che non puoi sottovalutare se vuoi curare la SEO tecnica del tuo e-Commerce.

  • Title e description: i metadati devono essere unici per ogni pagina del sito, rispettare certe lunghezze e, possibilmente, riportare la keyword per la quale vogliamo posizionarci;
  • Immagini: devono essere ottimizzate, vale a dire non più pesanti di 250kb circa. In un e-Commerce infatti, considerando almeno 3-4 foto per ogni scheda prodotto, è importante che le immagini siano leggere così da poter essere caricate velocemente;
  • Velocità di caricamento e Web Vitals
  • Canonical: devono essere presenti e ben configurati per evitare duplicati di pagina
  • Dati strutturati: detto in parole povere i dati strutturati sono dei pezzi di codice che favoriscono l’interpretazione del contenuto da parte dei motori di ricerca. Per gli e-Commerce in primis è consigliato utilizzare quelli della pagina prodotto che vanno a indicare precisamente il nome del prodotto, il brand, il prezzo e l’eventuale prezzo scontato, le recensioni. L’inserimento dei dati strutturati dovrebbe favorire anche la comparsa dei rich snippet nella SERP.

Analisi e monitoraggio dei risultati

Monitorare costantemente le performance del sito web e i risultati delle azioni SEO intraprese, per ottimizzare la strategia in base ai dati raccolti.

Infine, il monitoraggio e l’analisi delle tue strategie SEO sono cruciali per il successo a lungo termine. Utilizza strumenti come Google Analytics e Google Search Console per monitorare il traffico del sito, le conversioni e il comportamento degli utenti. Analizza le parole chiave che portano più traffico e conversioni e adatta la tua strategia di conseguenza. Mantenere un approccio dinamico e flessibile ti permetterà di rispondere rapidamente ai cambiamenti negli algoritmi dei motori di ricerca e nelle tendenze di mercato.

SEO Locale: strategie per il successo

Se hai un e-commerce per vendere prodotti in un territorio limitrofo alla tua sede e/o ben delimitato, è imprescindibile curare la SEO Locale. La SEO locale è fondamentale per le aziende con sede regionale. Per essere trovati facilmente dai potenziali clienti nella tua zona.

Se questo è il tuo caso segui questi suggerimenti:

  1. Google My Business (GMB)
    Crea e ottimizza la tua pagina profilo su Google My Business inserendo informazioni accurate sull’indirizzo, gli orari di apertura e i recapiti.
  2. Ricerca delle parole chiave locali
    Effettua una ricerca delle parole chiave specifiche per la tua regione e ottimizza i contenuti del tuo sito web utilizzando queste parole chiave.
  3. Monitoraggio dei posizionamenti
    Monitora regolarmente la posizione del tuo sito nella SERP (pagina dei risultati di ricerca) apportando modifiche se necessario per migliorare il posizionamento.
  4. Social Media locali
    Sfrutta i social media per la SEO locale condividendo contenuti locali, partecipa a gruppi locali e interagisci con la comunità.
  5. Interazione con i clienti
    Rispondi alle recensioni dei clienti su Google My Business e altre piattaforme, infatti l’interazione positiva con i clienti può migliorare la tua reputazione online.
  6. Consistenza delle informazioni
    Assicurati che le informazioni come nome, indirizzo e numero di telefono (NAP) siano consistenti ovunque (sul tuo sito, sui social media, su Google My Business, ecc.).
  7. Audit del Sito Web
    Controlla regolarmente l’audit del tuo sito per verificare la sua “salute” e correggi eventuali problemi tecnici o errori.

La SEO locale richiede impegno costante, ma i risultati sono preziosi per il tuo business locale.

Strumenti e risorse utili per la SEO per e-commerce

Esistono numerosi strumenti e risorse online che possono facilitare il lavoro di ottimizzazione SEO per un e-commerce. Tra questi:

  • Google Search Console: permette di monitorare la visibilità del sito web sui risultati di ricerca di Google e identificare eventuali problemi tecnici.
  • Google Analytics: Offre dati dettagliati sul traffico del sito web, come provenienza, comportamento degli utenti e conversioni.
  • Semrush: Uno strumento a pagamento che fornisce informazioni sulle parole chiave, i competitor e il backlink profile del proprio sito web.
  • Ahrefs: Un altro strumento a pagamento che offre funzionalità simili a Semrush, con un focus particolare sul backlink analysis.
  • Moz: Un sito web che offre guide, tutorial e risorse gratuite per la SEO, oltre a strumenti a pagamento per l’analisi delle parole chiave e del backlink profile.
  • Google My Business: servizio gratuito attraverso cui le imprese, gli enti pubblici, i lavoratori autonomi, le associazioni possono comunicare una serie di informazioni relative alla sede fisica della propria attività (indirizzo, numero di telefono, orari di apertura, etc.) tramite il motore di ricerca di Google e Google Maps.

Errori da evitare quando fai seo per e-Commerce

Quando si fa SEO per un e-commerce, è fondamentale evitare alcuni errori comuni che possono compromettere il posizionamento del sito sui motori di ricerca e, di conseguenza, le vendite.
Ecco alcuni degli errori più frequenti da evitare:

Non ottimizzare le Pagine Prodotto

Le pagine prodotto sono il cuore del tuo e-commerce. Non ottimizzarle adeguatamente può risultare in una perdita significativa di traffico organico. Errori comuni includono:

  • Descrizioni prodotto copiate: evita di utilizzare descrizioni fornite dal produttore. Crea contenuti unici e dettagliati per ogni prodotto.
  • Mancanza di parole chiave: assicurati di inserire parole chiave pertinenti nelle descrizioni dei prodotti, nei titoli e nelle meta description.

Ignorare la ricerca delle Parole Chiave

Una ricerca delle parole chiave inadeguata può portare a targetizzare termini con scarso volume di ricerca o eccessivamente competitivi. Utilizza strumenti come Google Keyword Planner o SEMrush per trovare parole chiave rilevanti e con un buon volume di ricerca.

Struttura del sito scorretta

Una struttura del sito confusa può penalizzare sia l’utente che i motori di ricerca. Evita:

  • URL lunghi e non descrittivi: mantieni gli URL brevi e descrittivi.
  • Categorie e sottocategorie non organizzate: assicurati che la struttura delle categorie sia logica e facile da navigare.

Non ottimizzare per il mobile

Con un numero crescente di utenti che effettuano acquisti da dispositivi mobili, avere un sito non ottimizzato per il mobile è un errore grave. Assicurati che il tuo sito sia responsive e offra una buona esperienza utente su tutti i dispositivi.

Velocità del sito lenta

Un sito lento può aumentare il tasso di abbandono e ridurre le conversioni. Utilizza strumenti come Google PageSpeed Insights per monitorare e migliorare la velocità del tuo sito e utilizza un servizio di Hosting adeguato.

Contenuti duplicati

I contenuti duplicati possono confondere i motori di ricerca e ridurre il posizionamento delle tue pagine. Assicurati che ogni pagina del tuo sito abbia contenuti unici.

Mancanza di link interni

I link interni aiutano a distribuire l’autorità delle pagine e migliorano la navigazione. Assicurati di collegare tra loro pagine correlate all’interno del tuo sito.

Meta Tag non ottimizzati

I meta tag, inclusi i meta title e le meta description, sono fondamentali per la SEO on-page. Errori comuni includono:

  • Meta Title troppo lunghi o corti: mantieni i titoli intorno ai 60-70 caratteri.
  • Meta Description non informative: usa le meta description per invogliare l’utente a cliccare, includendo parole chiave e benefici del prodotto.

Non utilizzare i Dati Strutturati

I dati strutturati (schema markup) aiutano i motori di ricerca a comprendere meglio i contenuti delle tue pagine. Implementa i dati strutturati per i prodotti, le recensioni e altre informazioni rilevanti.

Mancanza di monitoraggio e analisi

Non monitorare le prestazioni del tuo sito può impedirti di identificare problemi e opportunità. Utilizza strumenti come Google Analytics e Google Search Console per tenere traccia delle performance SEO del tuo sito.

Non curare l’esperienza utente (UX)

Qual è la differenza tra Web design, UX design, UI design?

Qual è la differenza tra Web design, UX design, UI design?

L’esperienza utente è fondamentale per la SEO. Assicurati che il tuo sito sia facile da navigare, con un design pulito e intuitivo.

Non gestire correttamente le pagine di Errore 404

Le pagine di errore 404 possono frustrare gli utenti e danneggiare la tua SEO. Implementa una pagina 404 personalizzata che guidi l’utente a tornare alla navigazione del sito.

Ignorare i Social Signals

I segnali sociali (social signals) possono influenzare indirettamente il posizionamento del tuo sito. Assicurati di avere una presenza attiva sui social media e di integrare pulsanti di condivisione sui tuoi prodotti.

Evitare questi errori ti aiuterà a migliorare la visibilità del tuo e-commerce sui motori di ricerca, aumentando il traffico organico e le conversioni.

Conclusioni

Dominare il mercato dell’e-commerce attraverso la SEO richiede un approccio strategico e una costante ottimizzazione. Dalla ricerca delle parole chiave all’ottimizzazione tecnica, ogni aspetto del tuo sito deve essere curato per massimizzare la visibilità sui motori di ricerca.

Implementare una strategia SEO efficace richiede tempo, impegno e competenze specifiche, ma i benefici a lungo termine sono innegabili, e ti aiuterà non solo a migliorare il posizionamento del tuo sito ma anche a offrire un’esperienza utente migliore, aumentando le possibilità di conversione e fidelizzazione dei clienti.

La SEO per e-commerce rappresenta quindi un investimento strategico fondamentale per il successo di qualsiasi attività commerciale online. Per chi desidera dominare il mercato online, la SEO è un’arma irrinunciabile.

Icon 114 - Studio Fabran

Iscriviti alla NewsLetter

Vuoi ricevere i miei ultimi articoli comodamente nella tua email?
È gratis!
Oltre 700 persone lo stanno già facendo!

Iscriviti alla Newsletter

Niente spam o pubblicità, solo i migliori articoli del nostro blog pensati per te.
Che aspetti? Iscriviti ora ed unisciti agli altri 546 iscritti.
Useremo i tuoi dati esclusivamente per l'invio di articoli, guide ed approfondimenti. Metti una spunta se sei d'accordo al trattamento dei dati personali (artt. 13 e 14 del GDPR - Regolamento UE 2016/679). Per maggiori informazioni leggi la nostra politica sulla privacy.