Tempo di lettura: 7 minuti

Migliorare la velocità del sito web è la cosa più importante che puoi fare quando progetti di realizzarne uno.

Perché? Facile, gli utenti che cercano informazioni su internet semplicemente non hanno la pazienza di aspettare il caricamento delle pagine mentre controllano gli ultimi titoli o sfogliano le recensioni dei prodotti. Così anche un ritardo di pochi secondi è sufficiente per creare un’esperienza utente negativa.

L’ottimizzazione della velocità del sito web deve essere una priorità se non lo è già. Altrimenti, rischi che i visitatori cambino subito sito web per la frustrazione a causa del caricamento lento delle pagine.

Continuando a leggere l’articolo ti spiegheremo cos’è la velocità del sito web, perché è essenziale per la SEO e quali semplici passaggi puoi intraprendere oggi per accelerare il tuo sito.

Cos’è la velocità del sito web?

La velocità del sito web misura i tempi di caricamento della pagina. Fattori come la dimensione del file di una pagina, la compressione delle immagini e l’hosting influiscono sulle prestazioni del sito web.

Esistono due modi principali per misurare la velocità del sito web:

  • Tempo di caricamento della pagina: significa che una pagina, inclusi tutti i dati e le immagini, è completamente caricata nel browser dell’utente.
  • Time to first byte: misura quanto tempo impiega un browser web per ricevere il primo byte di dati da un server.

Per i nostri scopi, tuttavia, ci occupiamo principalmente dei tempi di caricamento delle pagine. Diamo un’occhiata a come la velocità del sito può influenzare il posizionamento nei motori di ricerca.

Perché la velocità del sito web è importante per la SEO

Le pagine a caricamento lento non portano solo a una scarsa esperienza utente. Hanno anche un impatto negativo sull’ottimizzazione dei motori di ricerca o sulla SEO.

La velocità del sito web è un fattore di ranking

Google aggiorna continuamente il suo algoritmo per fornire risultati utili e per adattarsi ai mutevoli modelli di utilizzo.

I dati interni di Google hanno rilevato che i visitatori interagiscono meno con i siti che rispondono lentamente. Per migliorare l’esperienza utente sul Web, Google ha reso la velocità del sito web un fattore di ranking:

Come noi, i nostri utenti attribuiscono molto valore alla velocità del sito web: ecco perché abbiamo deciso di tenere conto della velocità del sito nelle nostre classifiche di ricerca“.

Google ha sottolineato ulteriormente l’importanza della velocità del sito web e della singola pagina con lo Speed ​​Update, un aggiornamento che rende i tempi di caricamento un fattore di ranking per le ricerche da dispositivi mobili.

In breve, lento caricamento delle pagine potrebbe danneggiare il posizionamento nei motori di ricerca per sia il tavolo e ricerche mobile.

Tempi di caricamento Frequenza di rimbalzo dell’impatto

La frequenza di rimbalzo è il numero di utenti che accedono al tuo sito e se ne vanno senza visualizzare un’altra pagina.

Una frequenza di rimbalzo elevata non è necessariamente una cosa negativa. Un visitatore potrebbe semplicemente cercare informazioni come l’orario di lavoro e andarsene dopo.

Tuttavia, vale ancora la pena prestare attenzione alle frequenze di rimbalzo, infatti un’alta percentuale potrebbe indicare che i visitatori stanno lasciando senza intraprendere azioni come compilare un modulo o effettuare un acquisto. Potrebbe anche suggerire che i visitatori rimbalzano a causa del caricamento lento delle pagine.

Google ha trovato una forte correlazione tra i tempi di caricamento e le frequenze di rimbalzo:

Gli utenti sono disposti ad attendere alcuni secondi per il caricamento di una pagina. Ma la probabilità che rimbalzino aumenta in modo significativo quanto più a lungo devono attendere il caricamento di una pagina a causa della bassa velocità del sito web. Gli utenti non esiteranno a fare clic sul pulsante Indietro se vengono lasciati a fissare una schermata vuota dopo più di pochi secondi.

Che impatto hanno le frequenze di rimbalzo sul posizionamento nei motori di ricerca? Backlinko ha scoperto che i siti con una frequenza di rimbalzo media bassa avevano classifiche più alte:

Grafico Frequenza di Rimbalzo

Fonte: Backlinko

Ora, questo non significa necessariamente che la riduzione della frequenza di rimbalzo comporterà automaticamente classifiche più elevate. Ma rappresenta un argomento ancora più valido per l’ottimizzazione della velocità del sito web.

Le scarse prestazioni web influiscono sulle conversioni

Diamo un’occhiata a un ultimo motivo per cui la velocità del sito web è importante: le conversioni. Questo non è direttamente correlato alla SEO, ma le scarse prestazioni web hanno un impatto diretto sui tuoi profitti.

Gli utenti online si aspettano che le pagine vengano caricate rapidamente.

Immagina di acquistare un nuovo cellulare. Fai una ricerca online, quindi  fai clic su quello che sembra un risultato promettente.
Ma dopo pochi secondi, rimani ancora a fissare uno schermo vuoto. Invece di restare fermo torni indietro fino ad un altro risultato di ricerca; e così è per il 40% degli utenti che abbandonano i siti web che impiegano più di 3 secondi per caricarsi.

Se vuoi che i visitatori si convertano, devi migliorare i tempi di caricamento della pagina.
Finora abbiamo mostrato in che modo le pagine a caricamento lento influiscono su:

  • Posizionamento nei motori di ricerca
  • Frequenza di rimbalzo
  • Tassi di conversione

Tuttavia, nonostante ciò, un numero sorprendente di siti web non ottimizza la velocità del proprio sito. Il tempo medio di caricamento completo di una pagina per dispositivi mobili è ancora di circa 15 secondi, secondo i dati di Google.

È una media abissale. Ma c’è un lato positivo: aumentare le prestazioni generali delle pagine e la velocità del sito web può dare al tuo sito un enorme vantaggio competitivo rispetto ai siti più lenti.
Quindi vediamo come possiamo risolvere il problema.

Come velocizzare il tuo sito

La maggior parte di noi ha sperimentato siti web con prestazioni scadenti. Non lasciare che i tuoi visitatori abbiano la stessa esperienza negativa mentre navigano nelle tue pagine.

Segui questi passaggi per ridurre i tempi di caricamento ed aumentare la velocità del sito web.

Usa PageSpeed ​​Insights per stabilire una linea di base

Stabilisci prima una linea di base in modo da poter misurare più accuratamente come i tuoi sforzi stanno migliorando le prestazioni del tuo sito web.
Inizia andando su PageSpeed ​​Insights , uno strumento gratuito di Google che misura le prestazioni delle versioni mobile e desktop di un sito.

PageSpeed ​​Insights è uno strumento particolarmente utile in quanto offre suggerimenti, più in basso nella pagina dei risultati, su come migliorare i tempi di caricamento. Apportare queste modifiche può migliorare notevolmente i tempi di caricamento.

Diamo un’occhiata ad alcune delle modifiche più significative che puoi apportare per ottimizzare le prestazioni ed aumentare la velocità del sito web.

Riduci le dimensioni dei file immagine

Il numero di risorse su una pagina ha un impatto drastico sui tempi di caricamento.

Forse il più grande problema della larghezza di banda sono le immagini. Riduci le dimensioni dei file delle tue immagini con un programma di fotoritocco come Photoshop prima di caricarle. Se non conosci Photoshop e non usi programmi di fotoritocco stand-alone allora puoi utilizzare un servizio gratuito online. Ne esistono tanti sul web, noi ti consigliamo Optimizilla oppure Kraken.io.

In alternativa, se utilizzi WordPress, puoi anche installare un plug-in di compressione delle immagini come il plug-in WP Smush per comprimere automaticamente le tue immagini.

Usa la cache del browser

I browser Web come Chrome o Safari memorizzano i file del sito nel browser di un utente. La prima visita di un utente richiederà tempo poiché ogni componente viene caricato e memorizzato. Ma le visite successive saranno “molto” più veloci in quanto i file possono essere recuperati localmente.

Puoi sfruttare la cache del browser modificando il tuo file .htaccess. Un modo per migliorare la velocità tuo sito web è estendere le impostazioni della cache di un browser.

Invece di impostare una data di scadenza di un mese, potresti estenderla a un anno. Una volta terminate le modifiche, salva semplicemente il file così com’è.

Esistono anche plugin di WordPress che puoi installare per semplificare questo processo, come W3 Total Cache o WP Super Cache. Installa questi plugin per ridurre i tempi di caricamento della pagina, aumentare la velocità del sito web e migliorare l’esperienza dell’utente.

Minimizza il tuo codice

La minimizzazione si riferisce alla rimozione di spazi dai file CSS, HTML e JavaScript.

Commenti e delimitatori di blocco aumentano la leggibilità del codice per gli sviluppatori. Ma generalmente non sono necessari per visualizzare correttamente un sito web. Utilizza uno strumento gratuito come Unminify per minimizzare qualsiasi codice inutilizzato e ridurre le dimensioni dei file.

Abilitare la compressione

La compressione ti consente di ridurre ulteriormente la dimensione dei file contribuendo alla velocità del sito web. Gzip è una popolare applicazione software che riduce le dimensioni dei file CSS, HTML e JavaScript.

Minimizzare e comprimere le dimensioni dei file migliora notevolmente le prestazioni del sito web poiché ci sono meno risorse da caricare.

Passa a Web Hosting più veloce

Se hai fatto tutto fino ad ora e la velocità del sito web è appena cambiata, il problema è probabilmente con il tuo hosting.

La scelta di un piano di web hosting economico può farti risparmiare denaro all’inizio, ma finirai per pagare di più a lungo termine.

Scegli un hosting web veloce per migliorare drasticamente la velocità tuo sito web e tieni presente quanto segue quando scegli un host:

  • Velocità , nota anche come “tempo di caricamento”
  • Uptime – almeno 99,94%
  • Assistenza clienti : disponibilità 24 ore su 24, 7 giorni su 7

Conclusioni

Rendi la velocità del sito web una priorità, poiché sempre più persone in tutto il mondo si affidano a Internet per varie attività, la velocità del sito web rimane cruciale come sempre.

Migliorare le prestazioni del sito non è facile. Ma può aumentare le classifiche di ricerca, ridurre le frequenze di rimbalzo e aumentare le conversioni.
Inizia con i suggerimenti sopra elencati per ridurre i tempi di caricamento e assicurati di misurare i risultati.

Se invece vuoi un aiuto concreto o maggiori suggerimenti su come aumentare la velocità del sito web non esitare a contattarci.


Per approfondire continua la lettura

Icon 114 - Studio Fabran

Iscriviti alla NewsLetter

Vuoi ricevere i miei ultimi articoli comodamente nella tua email?
È gratis!
Oltre 700 persone lo stanno già facendo!

Iscriviti alla Newsletter

Niente spam o pubblicità, solo i migliori articoli del nostro blog pensati per te.
Che aspetti? Iscriviti ora ed unisciti agli altri 547 iscritti.
Useremo i tuoi dati esclusivamente per l'invio di articoli, guide ed approfondimenti. Metti una spunta se sei d'accordo al trattamento dei dati personali (artt. 13 e 14 del GDPR - Regolamento UE 2016/679). Per maggiori informazioni leggi la nostra politica sulla privacy.